Archives

Eppure dopo solo un paio di mesi ci ritroviamo con delle extension rovinate, sfibrate e praticamente inutilizzabili. “Pubblicità ingannevole, rivenditore truffaldino!” ci ritroveremo a gridare, ma è veramente cosi, o basterebbe solo aver cura di compiere semplici gesti quotidiani per farle durare anche un anno se di buona qualità?

Quante volte ci siamo trovate infatti a tirare i nodi nelle extension, cercando di scioglierli come se fossero capelli normali? Le extension non sono infatti capelli vivi, e non possiedono quindi né la naturale elasticità della cheratina vitale, né la capacità di rigenerarsi di un capello ancora attaccato al bulbo. Una trazione eccessiva riesce si infatti a sciogliere i nodi in fase di pettinatura e spazzolamento, ma crea migliaia di microfrattura che anche se non sono immediatamente evidenti, compromettono irreversibilmente la struttura interna dell’extension stessa.

Allo stesso modo “tirare” troppo i capelli, ad esempio in caso di outfit particolarmente provocanti, code di cavallo molto alte, trecce particolarmente strette, o fasce elastiche particolarmente costrittive, obbligano le extension ad un carico di lavoro che le deformerà inevitabilmente, senza che vi sia come nel caso di un capello ancora vivo, la possibilità per queste di riacquistare la forma originale nel tempo.

La spazzolatura è ancora una volta responsabile di moltissimi danni, primo fra tutti l’eccessiva elettrizzazione delle extension, ancora più soggette a questo fenomeno rispetto ai capelli normali poiché non più rivestite del naturale film idrolipidico che ricopre la chioma vitale. E’ importante quindi anche lavare le extension con dei prodotti appositi, come shampoo e balsamo, studiati specificatamente per le esigenze di questa tipologia… “particolare” di capelli. Non dimentichiamo poi che oltre agli shampoo troppo aggressivi, anche tinture e decolorazioni sottopongono le extension ad uno stress chimico particolarmente distruttivo, e che vanno quindi utilizzate solo sporadicamente (o meglio evitate del tutto).

L’ultimo e più comune errore è infine quello di applicare il calore sui capelli bagnati durante le operazioni di messa in piega, che danneggia poi già di suo anche i capelli naturali. E’ bene infatti proteggere prima le extension con degli appositi spray o oli protettivi, ma attenzione! Se questo viene applicato sul capello bagnato immediatamente prima delle operazioni di piastratura termica, si causerà un danno ancora maggiore friggendo letteralmente il capelli. Bisogna quindi avere un po’ di pazienza e lasciare dunque riposare il prodotto per qualche minuti prima di applicare il calore della pinza, scegliendo laddove possibile prodotti non troppo oleosi.

Su come curare le vostre extension, puoi leggere di piu QUI.

X