Archives

La bella stagione è alle porte e, per quanto riguarda le colorazioni, porta delle novità in linea con i trend invernali, ossia sfumature rosa che profumino di eleganza e sottile romanticismo, oppure look decisi e colori acidi che definiscano il volto ed il total-look.

La tendenza dominante per quanto riguarda l’hairstyling primaverile è quella di adottare styling morbidi e facilmente modificabili in base alle mutevoli condizioni climatiche stagionali. Le onde naturali, quindi, torneranno ad adornare il collo delle più fashion, spianando la strada a quello che sarà un must estivo. Per ottenerle, basterà far asciugare i capelli legandoli in morbide trecce e lasciare che l’aria naturale faccia il resto. Il risultato sarà naturale, volutamente spettinato e wild.

Per le ricce, il vero trend è sbizzarrirsi. Torna il must delle micro-trecce, più eleganti delle maxi, anche con una colorazione differente delle varie ciocche oppure, nei giorni di caldo intenso, in cui i capelli sulle spalle possono dare fastidio, si può ripiegare su due codine raccolte che evidenzieranno il lato sbarazzino che vive in ogni donna.

Primavera/Estate 2018: frangia

Quest’anno l’ha fatta da padrone ed ha evidenziato gli sguardi delle fashion influencer. Proprio lei, la frangia. Irregolare, volutamente cortissima oppure intrigante, fin sopra gli occhi, torna ad impreziosire il volto abbronzato in estate. Il must la impone voluminosa e spettinata. Se non volte ricorrere al taglio, potete applicare le nostre extension removibili, pratiche, di semplice gestione e di forte impatto.

Colori della Primavera/Estate 2018

Le colorazioni moda per la PrimaveraEstate 2018, come già accennato, puntano alla brillantezza e sono speziate. Tornano prepotentemente i riflessi oro e caramello, direttamente dagli anni ’90.

Ma questa non è l’unica tendenza vintage. Ad impreziosire gli hairstyling estivi ci penseranno gli accessori ripescati dall’età d’oro, ossia clip a scatto, a farfalla, mollette coloratissime e nastri. C’è anche un ritorno al turbante ed alla fascia a cingere uno chignon oppure una coda alta.

I colori, luminosi ed eterei, non possono prescindere dal peach, il color pesca, il vero must della primaveraestate 2018.

Il Coachella Festival 2018 ha evidenziato anche i trend più coraggiosi: il fucsia, il viola e le colorazioni profonde sulla nuca e luminose sulle lunghezze. L’importante è che i colori siano olografici, da Instagram.

Immancabile il look ad effetto bagnato, pratico in estate e semplice da ottenere grazie all’ausilio del gel sui capelli umidi. Sarà un’estate davvero rose-gold e spettinata.

Dal blu denim al verde menta, dal celeste al blu notte, i capelli supercolorati sono uno dei trend più forti degli ultimi anni. Amati soprattutto dalle più giovani, i capelli dai colori stravaganti donano un look fuori dagli schemi, trasgressivo ed anticonformista ma, al contempo, estremamente intrigante, raffinato e cool. Tuttavia, prima di tingere i capelli di blu, è molto importante che siate consapevoli di quelli che possono essere i pro e i contro. Ecco qualche dritta.

Il procedimento è piuttosto lungo

Tingere i capelli di blu o verde non è come fare una tradizionale tinta. Si tratta di un lavoro che richiede molto più tempo e diversi passaggi che, inevitabilmente, stressano il capello. A meno che abbiate una base naturale chiarissima, dovrete decolorare i capelli e solo dopo averli schiariti potrete procedere con la tinta. Sui capelli biondi naturali, sani e mai trattati la tinta, in genere, prende anche senza dover necessariamente ricorrere alla decolorazione, ma sui capelli castani, scuri o già tinti occorre privare il capello del suo pigmento naturale. Il livello di decolorazione dipende dalla tonalità di blu o verde che si vuole ottenere. Se, ad esempio, puntate al celeste o al verde acqua, i capelli devono essere schiariti fino a farli diventare pressoché bianchi.

Tingere i capelli di blu e verde: NO al fai da te

Se desiderate tingere i capelli con colori stravaganti, il fai da te è assolutamente sconsigliato, specialmente se prima vanno decolorati. Servono esperienza, tecnica e maestria per effettuare il trattamento giusto a seconda del tipo di capello e del risultato che si desidera ottenere. Affidatevi a meni esperte.

Il colore tende a scolorire rapidamente

Con i normali lavaggi, la tinta scarica ed i capelli tenderanno in men che non si dica ad assumere un antiestetico colore verdastro. L’acqua di mare, il sole, il vento ed il cloro della piscina potrebbero ulteriormente velocizzare la sbiaditura. Inoltre, più la nuance è chiara meno dura la tinta, perché, in buona sostanza, viene eliminato il pigmento naturale all’interno del capello per assorbire la colorazione.

Trattamenti specifici

Dovrete prendervi cura dei capelli colorati più di quanto facciate normalmente con i capelli naturali. Per la cura dei capelli tinti di blu o verde consigliamo, infatti, di utilizzare prodotti professionali specifici e di applicare almeno due volte alla settimana maschere ed impacchi contenenti dei pigmenti usati per il colore. Evitate i lavaggi troppo frequenti e lavate i capelli con acqua fredda.

Non copre i capelli bianchi

Le tinte stravaganti come il blu ed il verde non coprono efficacemente i capelli bianchi, che andrebbero prima coperti con un’altra tinta, complicando ulteriormente il procedimento già di per sé piuttosto stressante per il capello.

Se tingere tutta la chioma vi sembra eccessivo, potete provare a colorare solo alcune ciocche con effetto underlight o balayage, tingere solo le punte a mo’ di shatush o applicare extension a clip colorate, realizzate con capelli naturali. In alternativa si possono utilizzare delle tinte semipermanenti o i gessetti.

Spazzolare i capelli per un minuto due volte al giorno, al mattino ed alla sera, libera la cute dalle impurità e stimola la microcircolazione sanguigna. Tuttavia, evitare di tirare e strappare i capelli durante la spazzolatura è imperativo, a maggior ragione se si indossano le extension. Ecco cinque pratici consigli per non danneggiare la chioma durante la spazzolatura.

1. Non spazzolate i capelli dalle radici

Un errore che molti commettono è quello di spazzolare i capelli partendo dalle radici. I colpi di spazzola dall’alto al basso possono stressare enormemente il capello. Non fatelo. Prima di spazzolare i capelli, la cosa migliore da fare è applicare sempre sulle lunghezze un siero districante o un balsamo leave in. Cominciate a spazzolare i capelli dalle punte, districando i nodi con piccoli colpi di spazzola o detangler brush dotato di dentini oscillanti e flessibili, e salite gradualmente. Dopo aver sciolto i nodi, passate le dita tra le ciocche dall’alto verso il basso con estrema delicatezza. Ora potete spazzolare i capelli dalle radici.

2. Non spazzolate i capelli da bagnati

I capelli bagnati sono più inclini a tendersi, spezzarsi e cadere. Spazzolateli solo dopo l’asciugatura. Al limite, quando sono bagnati, li potete pettinare con un pettine a denti larghi.

3. Spazzolate sempre i capelli prima dello shampoo

Spazzolare con cura la chioma prima di fare la doccia e lo shampoo dovrebbe essere parte della routine di bellezza di ognuna di noi. Spazzolando i capelli, infatti, si eliminano impurità, polvere, shampoo secco e residui di prodotti per lo styling, come gel, crema modellante e lacca. Al contempo, distribuirete uniformemente sulle lunghezze gli oli naturali prodotti dal cuoio capelluto, che, avvolgendo i fusti, formeranno una barriera protettiva che andrà a proteggere la fibra capillare dall’acqua calda e dallo shampoo.

4. Spazzolate i capelli prima di andare a dormire

Un’altra abitudine che dovrebbe entrare a far parte della nostra routine è quella di spazzolare i capelli ogni sera prima di andare a dormire, a testa in giù, dalla nuca verso la fronte. In questo modo, il sebo non si accumulerà sulle radici ma verrà distribuito in modo uniforme sui capelli, nutrendoli in modo naturale e rendendoli più morbidi e meno vulnerabili alle aggressioni esterne. Così facendo, inoltre, i capelli si sporcheranno meno velocemente ed appariranno più lucidi.

5. Lavate la spazzola una volta alla settimana

Sulla spazzola si depositano quotidianamente impurità, cellule morte, sebo e polvere, che, accumulandosi, favoriscono la proliferazione di batteri, e, in buona sostanza, sporcano i capelli durante la spazzolatura. Almeno una volta alla settimana, rimuovete i capelli che restano bloccati tra le setole e lavate spazzole e detangler brush con acqua tiepida e dello shampoo delicato.

Valida alternativa alle extension adesive o con cheratina, le nostre extension con microring garantiscono un risultato perfettamente naturale, di forte impatto. L’applicazione non richiede l’uso di colla e strumenti che possono stressare il capello.

Come applicare le extension con microring

Eseguire in autonomia il procedimento di inserimento delle ciocche nei microring è piuttosto complicato. Si tratta di un’operazione di per sé semplice ma che richiede la massima precisione, ed è pressoché impossibile riuscire da sole ad inserire le ciocche negli anellini in ogni parte del capo. Il consiglio, pertanto, è quello di chiedere l’aiuto di un’amica o rivolgersi ad un parrucchiere.

Ecco il procedimento, step by step:

  1. selezionate una ciocca di capelli, partendo dalla nuca, e prelevatela con la coda del pettine;
  2. posizionate l’anello alla radice della ciocca selezionata;
  3. sollevate la radice della ciocca all’interno dell’anello;
  4. fate scorrere delicatamente la ciocca attraverso l’anello;
  5. tenete la ciocca con una mano e l’anello con l’altra;
  6. tirate l’anello fino a portare la ciocca all’interno del microring;
  7. rimuovete l’anello di supporto;
  8. posizionate il microring a circa un centimetro dal cuoio capelluto;
  9. stringete il microring con l’apposita pinzetta;
  10. appiattite il microring e fissatelo saldamente alla ciocca.

A differenza delle extension con cheratina, l’applicazione delle extension con microring, dette anche extension a freddo, non prevede l’uso di colle e sostanze adesive a caldo per il fissaggio. In buona sostanza, le estensioni vengono unite ai capelli naturali per mezzo di appositi anellini in rame ipoallergenico con rivestimento in silicone, che, come abbiamo visto, vengono fissati con un’apposita pinza. I microring possono essere riposizionati, seguendo la crescita naturale del capello. Nel nostro online store troverete gli strumenti per l’applicazione ed un righello distanziatore per le ciocche.

Come rimuovere le extension con microring

La rimozione di questo tipo di extension è un’operazione piuttosto semplice, ma che sconsigliamo di effettuare da sole, per non rischiare di tirare, tendere e danneggiare i capelli naturali. Con la pinza utilizzata per l’applicazione, stringete il microring in modo da riportarlo alla forma originaria, e sfilatelo con la massima delicatezza dalla ciocca di capelli naturali.

A chi sono adatte le extension con microring

Le extension con microring esercitano inevitabilmente una pressione sulle ciocche di capelli naturali a cui vengono fissate. Se ne sconsiglia,pertanto, l’uso a chi ha capelli fragili, sottili e sfibrati.

Nel post di oggi condivideremo con voi quelli che, a nostro avviso, sono i blog, i canali YouTube e gli account Instagram internazionali più interessanti da seguire al momento, per essere sempre aggiornati sugli ultimi hair trend.

Luxy Hair

Il canale Luxy Hair nasce dall’idea di Leyla e Mimi, due sorelle londinesi originarie dell’Azerbaijan, appassionate di hairstyle. Le due sorelle riproducono le pettinature delle celebrity e caricano su YouTube video tutorial estremamente chiari ed esplicativi. Il canale vanta, ora, oltre 3 milioni di iscritti. Nel canale si trovano tutorial che spiegano nel dettaglio sia come riprodurre gli hairstyle da red carpet più elaborati sia come ottenere onde strutturate, dare volume ai capelli e realizzare acconciature semplici e veloci.

Cute Girls Hairstyles

Canale YouTube nato dall’idea di Mindy McKnight, una mamma statunitense che ha iniziato a condividere su internet le pettinature originali che realizzava con le proprie mani sui capelli delle sue bellissime figlie, Cute Girls Hairstyles vanta ora milioni di iscritti ed un’infinità di video tutorial su come realizzare acconciature e updo. Consigliamo di consultare anche il blog www.cutegirlshairstyles.com.

Barefootblonde.com

Amber Fillerup Clark, 28 anni, mamma di due bambini, vive con il marito negli Stati Uniti e ha lanciato il blog www.barefootblonde.com. I suoi scatti la ritraggono in momenti di vita reale, perlopiù con i figli, ed in queste immagini sfoggia acconciature affascinanti, tutte da copiare, o capelli sciolti, lunghi e fluenti, sempre impeccabili.

 

 

Bebexo

La giovane Nee, canadese, apre il suo canale Bebexo per dare consigli di moda ma diventa presto famosa per i suoi tutorial di capelli ispirati alle celebrity. Sul suo blog Just Bebexo, per ogni video tutorial, precisa quanto tempo è richiesto per creare l’acconciatura e su che tipo di capello è possibile realizzarla. Molto utile ed interessante.

Kayley Melissa

La giovanissima Kayley ha creato nel 2010 il canale Kayley Melissa ed ha iniziato a pubblicare video in cui fornisce consigli preziosi e dimostrazioni pratiche su come realizzare pettinature molto belle, in modo rapido e semplice. Ha ottenuto un milione e mezzo di iscritti, e nel corso degli anni, ha collaborato con varie testate e brand, del calibro di BuzzFeed, Fashionista e Seventeen. Ogni mese, prova personalmente nuovi prodotti per capelli e consiglia i migliori.

Zoella

Un’altra beauty influencer da seguire è Zoe Sugg, in arte Zoella, giovane inglese di Brighton che ha cominciato da zero, condividendo sul suo canale YouTube i prodotti cosmetici che più apprezzava, ed ora ha oltre 11 milioni di iscritti.

Akki Shirakawa

Se le morbide beach waves degli Angeli di Victoria’s Secret sono il vostro ideale, consigliamo di seguire su Instagram l’hairstylist delle modelle più belle del mondo, Akki Shirakawa.

Se avete i capelli sottili, scegliere pettinature dalla capacità infoltente, che diano l’impressione che la chioma sia più folta e piena, è un must. Innanzitutto, prima della piega vaporizzate sulle radici un prodotto volumizzante spray senza risciacquo, che aiuti a dare corpo e volume alla capigliatura. Anche lo shampoo secco può essere utile per rendere i capelli più consistenti. Non dovrete fare altro che vaporizzarne una piccola dose sui capelli asciutti, attendere un paio di minuti e spazzolare la chioma.

Scalature delicate

Le migliori alleate dei capelli sottili sono le scalature. Un gioco di scalature lievi, con dislivelli impercettibili distribuiti armoniosamente sulle lunghezze, aiuta ad alleggerire i volumi e favorisce l’effetto vaporoso, che dà l’impressione di una chioma più folta. Sì, quindi, alle scalature delicate nella parte posteriore del capo, nella porzione più alta, che danno l’impressione di avere molti più capelli di quanti se ne abbiano in realtà. Chiedete al parrucchiere di usare sempre e solo le forbici. Diffidate da chi usa il rasoio, che rischia di impoverire la chioma.

Via libera alle medie lunghezze

Un carré morbido, che sfiori le spalle, è il taglio più adatto a chi ha i capelli sottili e radi. Versatile e di facile gestione, con la piega giusta si presta a tanti stili. Evitate di portare i capelli troppo lunghi perché tendono inevitabilmente ad appiattirsi.

Frangia

Frange e ciuffi sfilati ad arte donano volume alla capigliatura, facendola sembrare più piena e  folta. Le frange più adatte a chi ha i capelli sottili sono quelle leggere ed aperte al centro, da asciugare dirigendo l’aria del phon dall’alto e muovendo semplicemente le ciocche da una parte all’altra, senza ricorrere all’uso della piastra lisciante. Una frangia piatta, piena e dal taglio netto e simmetrico rischia di sortire l’effetto contrario. Potete anche valutare l’idea di applicare una frangia removibile, realizzata con capelli naturali. Nel nostro catalogo sono disponibili frange di diverse tonalità, dal biondo al rosso, dal castano al grigio.

Sì ai tagli corti ed ultra corti

Può sembrare un paradosso, ma optare per un taglio corto, come un Pixie Cut, dà l’impressione che i capelli siano più folti, proprio perché il capello accorciato ha un peso inferiore e tende meno ad appiattirsi. Evitate, però, di applicare gel e mousse liscianti.

Capelli sottili: evitare le pettinature lisce e piatte

Onde e frisé danno l’illusione di avere più capelli. È una sorta di illusione ottica. Per ottenere una cascata di onde morbide senza stressare il capello, applicate sui capelli umidi una spuma volumizzante, divideteli in grosse ciocche ed avvolgetele sui kleenex arrotolati. Lasciate seccare o asciugate con il diffusore, dopodiché sciogliete tutto e muovete i capelli tra le dita. Otterrete delle deliziose beach waves dall’effetto infoltente.

I capelli Remy rappresentano la più alta qualità di extension naturali al momento disponibile sul mercato. I capelli sono denominati Remy quando ogni capello all’interno di una ciocca segue la direzione radice-punta, riproducendo, quindi, quella che è la direzione naturale con cui i capelli crescono sul capo. Le extension realizzate con capelli Remy mai trattati chimicamente si amalgamano in modo armonioso ed uniforme alla chioma, con un effetto assolutamente naturale.

Le extension Remy, con cuticole integre, possono essere tinte ed esposte a fonti di calore durante l’asciugatura e lo styling, anche se, idealmente, per preservarne il più a lungo possibile l’aspetto, la morbidezza e la lucentezza, è consigliabile lasciarle asciugare in modo naturale, all’aria. Il nome Remy si riferisce al processo di lavorazione del prodotto, in cui i capelli vengono minuziosamente analizzati, selezionati e posizionati nella stessa direzione, osservando elevati standard di qualità.

Come vengono realizzate le nostre extension di capelli Remy

Le extension a clip, con cheratina, adesive e con microring disponibili su www.extension-capelli.net sono prodotte rispettando severi standard di qualità in ogni fase del processo produttivo. Nella produzione delle nostre extension Remy vengono utilizzati esclusivamente capelli sani, forti e che non sono mai stati sottoposti a tinte e decolorazioni. Le ciocche vengono raccolte in trecce affinché venga mantenuta la direzione radice-punta. Le trecce vengono poi sciolte ed i capelli suddivisi in base alla lunghezza, mantenendo la medesima direzione radice-punta.

I capelli naturali vengono successivamente sottoposti ad un processo di depigmentazione pro­gressivo, senza danneggiare le cuticole e senza intaccare la struttura capillare. Una volta depigmentati, i capelli vengono tinti con prodotti delicati. Le nuance che offriamo spaziano dal biondo platino al rosso burgundy, dal mogano al nero, senza escludere gli effetti mèches, balayage ed ombré.

L’utilizzo di capelli di seconda scelta, raccolti senza fare attenzione che sia stata mantenuta la direzione radi­ce-punta, porta alla produzione di extension di scarsa qualità. Diffidate.

Il business della vendita di capelli naturali sta registrando una notevole crescita. Se avete i capelli molto lunghi e state pensando di tagliarli, potreste venderli alle aziende che producono parrucche ed extension. Colore, lunghezza e conformazione naturale sono i criteri presi in considerazione. Maggiore è la lunghezza e più il capello è sano, corposo e di colore chiaro, più elevato è, in linea di massima, il possibile guadagno. Più la merce è rara, più le aziende sono disposte a pagare. La lunghezza minima di taglio è, in genere, di almeno 25 centimetri.

Per fare un esempio, un chilo di capelli chiari, biondi o rossi, sani, spessi e lunghi 50 centimetri, da utilizzare per la realizzazione di parrucche di qualità da usare in ambito teatrale e cinematografico, possono essere pagati migliaia di Euro.

Tuttavia, se i capelli sono stati trattati con prodotti chimici, il loro valore cala nettamente. I capelli trattati con tinture, colpi di sole e decolorazioni possono essere venduti ad aziende che producono extension, che, in genere, hanno criteri di selezione meno rigidi. Quindi, se i vostri capelli sono stati trattati, potete comunque venderli ma il guadagno sarà inferiore.

Vendita di capelli naturali: accorgimenti da adottare quando si decide di vendere i propri capelli

Se avete deciso di vendere i vostri capelli, vi consigliamo di:

  • evitare di trattarli con sostanze chimiche. Come accennato, i capelli naturali, sani e non trattati hanno un valore di mercato di gran lunga più elevato di quelli tinti, decolorati, permanentati o stirati chimicamente;
  • evitare di utilizzare strumenti per lo styling che sfruttano il calore, come phon, piastra lisciante e ferro arricciacapelli, che, inevitabilmente, danneggiano il capello. Lasciate asciugare i capelli all’aria in modo naturale nei mesi che precedono la vendita;
  • proteggere i capelli dai raggi solari con un cappello;
  • il cloro tende a seccare i capelli, pertanto, in piscina, prima di entrare in acqua, bagnate i capelli con acqua dolce, distribuite una noce di balsamo sulla chioma con un pettine a denti larghi ed indossate una cuffia in lycra;
  • evitare i lavaggi troppo frequenti ed utilizzate uno shampoo di qualità, senza solfati, parabeni, alcool isopropilico, formaldeide e glicol propilenico, che, tendono desquamare le cuticole;
  • fare attenzione all’alimentazione e bere almeno due litri d’acqua al giorno per mantenere i capelli idratati e nutriti dall’interno.

Contattare direttamente gli acquirenti

Si consiglia di effettuare ricerche online e contattare direttamente le aziende che producono parrucche ed extension, telefonicamente o via e-mail. Inviate una breve descrizione e delle immagini della vostra chioma scattate alla luce naturale del sole, indicando chiaramente la lunghezza che intendete tagliare. Procedete con il taglio solo quando avrete trovato un acquirente. Raccogliete i capelli saldamente in una coda o una treccia, effettuate un taglio netto ed inseriteli immediatamente in una busta di plastica dotata di chiusura ermetica. Spedite la porzione di capelli all’acquirente, attenendovi agli accordi presi.

Anche nel settore della vendita di capelli, specialmente online, spesso si celano truffe e raggiri, pertanto tenete sempre gli occhi ben aperti.

Come ogni elemento del beauty look, anche la frangia è fondamentale che si adatti alla forma del viso per valorizzarne i tratti e le proporzioni. Non esiste un taglio universalmente adatto a tutte. Prendiamo spunto dalle immagini postate dalle blogger sui social network.

Frangia piena e compatta

La blogger texana Christina Martinez, che, insieme al marito Robert, gestisce con il portale NewDarlings.com, sfoggia da tempo una frangia lunga, piena e compatta, leggermente ad arco, abbinata a capelli dai volumi morbidi e di un color castano scuro intenso, in stile Zooey Deschanel.

Questo tipo di frangia, importante, piena, compatta e “protagonista”, dona a chi ha il viso dalla forma rettangolare ed allungata, con fronte alta ed andamento verticale, ed a chi ha il viso a cuore o a diamante, con zigomi pronunciati e fronte più ampia rispetto alla parte inferiore del volto. Una frangia così importante aiuta, infatti, a riequilibrare le proporzioni, accorciando, a livello ottico, il volto. Da evitare, invece, se avete il viso tondo o dalla forma squadrata.

Lunga, sfilata ed irregolare

Una frangia lunga, sfilata, irregolare e sostanzialmente senza regole, come quella della stupenda blogger danese Caroline Nehring, incornicia lo sguardo, addolcisce il volto e, con il suo andamento morbido, è l’ideale per smussare la durezza dei lineamenti particolarmente marcati.

Pertanto, questo tipo di frangia, lunga ma irregolare e dinamica, è perfetta per chi ha il viso dalla forma squadrata, con mascella importante e lineamenti decisi, proprio perché ammorbidisce le proporzioni e dona una nota di dolcezza al volto.

Frangia corta

Sul suo profilo Instagram darth_bador, la giovane modella Emily Bador sfoggia una frangia corta, liscia e piatta, dal taglio molto geometrico, che evidenzia i lineamenti regolari, le sopracciglia, l’incarnato sano, giovane e luminoso e le adorabili lentiggini. Trendy e dal mood irriverente, la frangia corta, dritta e liscia è adatta solo a chi ha un viso ovale, dai lineamenti minuti, senza sproporzioni da riequilibrare né particolari difetti da mimetizzare. Purtroppo, tutte le altre forme non sono adatte a questo taglio così geometrico, che rischierebbe di amplificare i difetti, anziché mimetizzarli.

Leggera e spettinata

Per equilibrare le proporzioni di un viso dalla forma rotonda o triangolare, con fronte bassa e la parte inferiore che prevale su quella superiore, l’ideale è scegliere una frangetta leggera, mossa e spettinata ad arte, come quella della giovane cantante e modella americana Mallory Merk. Si sconsiglia, in questo caso, un taglio troppo pareggiato.

 

Da sempre considerate le donne più chic del pianeta, le parigine sono ambasciatrici di un’eleganza dal mood casual, senza fronzoli né eccessi. Vediamo quali sono gli elementi distintivi dello stile parigino, tutti da copiare.

Stile parigino: frangia

Il vero must have dello stile parigino è la frangia, capace di incorniciare il viso con tutta la sua carica espressiva. La preferita dalle francesi sembra essere la frangia a tendina dentelé, ossia “frastagliata”, da mantenere piatta con l’aiuto di una spuma lisciante da distribuire con il pettine sui capelli asciutti. Sì anche alla frangia leggera e lunga fino agli occhi, da asciugare dall’alto muovendo le ciocche da sinistra a destra, seguendo il movimento naturale dei capelli.

Stile parigino: acconciature e capelli raccolti

Top knot, chignon, banana bun e le acconciature spettinate sono gli hairdo prediletti dalle donne francesi, accanto alle boxer braid, tra le tendenze di questa stagione.

Ideale per i capelli di media lunghezza, lo chignon alla francese incanta con quell’attitude al contempo rilassata e superchic che sa conferire ad ogni look. Per realizzarlo, pettinate i capelli e raccoglieteli a mo’ di coda alta. Arrotolateli e ripiegateli su se stessi, fissandoli semplicemente con delle forcine.

Dalla Francia con furore arriva anche il cosiddetto banana bun, tra gli hairstyle più popolari su Instagram e Pinterest al momento. Si tratta di uno chignon basso morbido, versatile, dal sapore neoromantico ed all’apparenza casuale, ma, in realtà, realizzato con mosse ad hoc. Garantisce una buona resa sia sui capelli folti e spessi sia sui capelli sottili e rappresenta la soluzione perfetta nei bad hair day, quando i capelli non mantengono la piega o non sono propriamente freschi di shampoo. Per realizzalo, portate indietro i capelli con le mani e fissateli sulla nuca raccogliendoli in una coda bassa da avvolgere su se stessa. Modellate le ciocche libere in modo casuale con gel, forcine e fermagli gioiello.

Stile parigino: tagli

Elegante e dall’appeal moderno, il look messy con il suo disordine dal sapore glam va per la maggiore nella capitale francese. Se avete la fortuna di avere i capelli ondulati, non dovrete fare altro che asciugarli muovendo le ciocche tra le dita ed appiattirli leggermente sul capo con una mousse lisciante. Se li avete dritti, inumiditeli, divideteli in grosse ciocche e fate delle trecce. Trascorsa un’ora, disfatele e muovete i capelli tra le mani. Per ottenere un maggiore effetto volume, consigliamo di applicare le nostre extension tape it adesive, realizzate con capelli naturali. Sì anche ai ricci, da lasciare liberi ai lati fissando le ciocche centrali sulla nuca.

Stile parigino: colore

Le parigine prediligono uno stile au naturel, in linea con i trend che riscoprono il valore ed il fascino del normcore, di gran classe. Via libera, quindi, al French brown, un castano profondo, brillante, pieno di riflessi e valorizzato dalle punte leggermente schiarite, per un risultato estremamente chic e luminoso, ed al cosiddetto dirty blonde, con radici scure e punte più chiare, in grado di creare quell’irresistibile attitudine messy chic, che fa tendenza. Se desiderate un tocco di colore, alle parigine piace molto la nuance silver, da abbinare ad un taglio dalle linee definite.

X